ASTRONOMIA, ASTROFOTOGRAFIA, STUDI SUL SOLE, INQUINAMENTO LUMINOSO

Via B.Medici, 12 - Civitavecchia (Roma - ITALY).

La nube residua, ruotando e allontanandosi dal sole, cominciò a raffreddarsi e a formare goccioline di materia, che a loro volta si aggregarono insieme in varie ragioni dello spazio attorno al sole: fu così che nacquero i pianeti. Le aggregazioni più minute furono spazzate via dal "vento solare" e confinate in regioni molto lontane, ed ecco che lo spazio, oltre Plutone, si riempì di piccole masse di materiale leggero e friabile, a base di silicati di calcio e di altri metalli leggeri, formando tutto attorno al sole una grande nube sferica. Fu questa teoria, ideata da Jan Oort che, qualche decina di anni fa, prese piede e si rivelò abbastanza esatta per spiegare l'origine delle comete. Il guscio della nube di materia residua e ghiacciata, si trova in una regione dello spazio ra 50.000 e 150.000 U.A. dal sole (1 u.a. = 150 milioni di km).

Perturbazioni gravitazionali che avvengono in queste lontane regioni, inducono queste masse a cambiare orbita e a infiltrarsi all'interno del sistema solare fino a passare velocemente nelel vicinanze del sole per poi disperdersi nuovamente nello spazio o, se disturbate dall'attrazione gravitazionale dei pianeti, a cambiare la loro orbita e assumerne una a più stretto raggio ...diventando così "comete periodiche". Quando questi piccoli corpi passano nelle vicinanze del sole, tendono ad evaporare, liberando polveri e gas ionizzati che, illuminati dal sole, si rendono visibili come una lunghissima coda (a volte lunga più di 500 milioni di Km (come è stato per la cometa Hiyakutake). Sebbene ad occhio nudo se ne vedano poche, le comete sono fenomeni piuttosto frequenti, e oggi se ne contano più di 50 scoperte ogni anno. Basta un pò di pazienza nel consultare gli almanacchi e un telescopio di almeno 100 mm di diametro, e per vederne almeno una decina ogni anno.

Il nostro satellite descrive, attorno alla Terra, un orbita piuttosto allungata, che percorre in 27 giorni 7h 43m. Ha un diametro di 3840 km e, vista dalla Terra appare come un disco di diametro variabile dai 29'20" al perigeo a 33'30" all'apogeo. Dista dalla Terra tra i 356.410 km e i 406.700 e la sua massa è solo dell'1,23% di quella del nostro pianeta, ciò significa che la gravità è solo 1/6 di quella terrestre.